Pick Meal Up, l’app gratuita per i piatti da asporto a costi fissi. Già 10mila iscritti

take away
Pick Meal Up
, è nata lo scorso giugno, quando l’economia del food aveva intrapreso il cammino della ripartenza dopo il lockdown. In pochi mesi ha convinto oltre 10mila italiani a scaricare la propria applicazione, triplicando mese dopo mese il numero di utenti attivi. La ragione di questa rapida scalata? Il fatto di essere, come assicurano i fondatori: Carlo Farina, Marco Vitolo e Roberto Premazzi, un sistema di take away rivoluzionario rispetto ad altri servizi esistenti di prenotazione del tavolo e di food delivery.

L’obiettivo è quello di mettere in contatto clienti in cerca di servizi di qualità ed esercenti (ristoranti, ma anche bar e gelaterie) che vogliono promuovere la propria attività offrendo un pasto da asporto a costi fissi e convenienti.

Il prezzo fisso è l’elemento di distinzione più forte e immediato.

«Dietro a questa scelta – racconta Farina al Sole 24Ore – c’è uno studio approfondito e mirato a servire il mercato dei pasti funzionali, dove i clienti spesso si preoccupano del prezzo e dove la semplicità di scelta e la velocità sono, e saranno sempre di più, un grande valore aggiunto».

Il servizio non prevede costi iniziali di attivazione, nessun canone mensile e nessuna penale di disdetta. Ma solamente una commissione per ogni ordine ricevuto. Si va dalla possibilità di pre-ordinare e di avvisare del proprio arrivo a tutta una serie di funzionalità pensate per i ristoratori. Servizi che spaziano dalla scelta di quali piatti proporre e in quale quantità alla gestione degli orari di ritiro.

Come funzione Pick Meal Up, la startup dedicata al take away

Al ristoratore che aderisce a Pick Meal Up viene assicurata la visibilità sull’app tramite apposita scheda descrittiva, gli orari accessibili per l’asporto e il menu, con indicazione del prezzo (7 euro o 14 euro). Una volta completato l’ordine e il pagamento tramite app, l’utente passa a ritirare il pasto nel proprio ristorante preferito. Al ritiro il cliente mostrerà la conferma dell’ordine direttamente dal telefonino. Basta una semplice scansione del QR code ricevuto e si ritira il pranzo o la cena da consumare comodamente a casa propria o in ufficio.

«Crediamo che questo sia il modello migliore per lavorare con i ristoranti. – Dice ancora Farina. Riteniamo che delivery e take away non siano in competizione, bensì costituiscano due asset fondamentali della ristorazione moderna, necessari per raggiungere clienti diversi con esigenze diverse».

L’obiettivo entro la fine dell’anno

Il progetto è stato autofinanziato e ha usufruito delle agevolazioni previste per le startup innovative. Il servizio è decollato a Milano e nel suo hinterland. È stato testato con una decina di ristoranti diversi per tipologia di offerta e di zona. L’obiettivo, è ambizioso ed è quello di arrivare a 15mila utenti entro la fine dell’anno. Si vuole creare una piazza virtuale da proporre ai ristoratori che vorranno cavalcare la ripartenza.

Nunzio Zeccato
Link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *