Autunno

12049584_779578088818759_6167748422051582152_n

Benvenuto Autunno

Suggestioni Culinarie

meets

Eco Hostel Floreale

La location questa volta è unica nel suo genere: Eco Hostel Floreale, il primo Ostello Ecologico in Campania, ma forse anche in Italia! Cristiano e Chantal, autori di questa grandiosa idea si preparano ad accoglierci nella loro dimora vicina al mare in un ambiente interamente fatto con materiali riciclati. A noi ci hanno lasciato decisamente estasiati il rispetto per l’ambiente e la cura dei particolari; fidatevi…a voi piacerà ancora di più.
In degustazione alcuni piatti autunnali Gourmet in abbinamento alla nostra selezione di vini.

Menù

1. Sablè di parmigiano e marmellate rustiche autoprodotte  – Ischia Falanghina IGT Casa D’Ambra 2014
I sablè sono dei semplici biscotti che possiamo preparare in svariati modi: in questo caso il Parmigiano Reggiano DOP gli da gradevole sapore rustico, ottimi in accomapagnamento alle nostre marmellate e salse autoprodotte con prodotti KM0.
Curiosità: il termine Falanghina deriva da “Falango”, nome latino per indicare il palo che regge la vite. Questa vite infatti era già molto apprezzata in epoca romana

2. Risotto al melograno BIO e taleggio DOP-  Galluccio Conca Bianco DOC 2013
Un piatto dal sapore delicato, nel quale il taleggio contrasta e smorza l’acidità del melograni, tutti raccolti qui a Eco Hostel Floreale. I chicchi di melograno completano dando un tocco di croccantezza al piatto. Un Galluccio DOC accompagna la pietanza con le sue uve nobili Palagrello e la sua decisa alcolicità ricordandoci tutti i profumi e i sapori di questa terra.
Curiosità: Il vulcano ormai spento di Rocammonfina dona a queste uve grandi proprietà minerali che le mani esperte dei viticoltori trasformano in aromi deliziosi una volta nel bicchiere.

3. Galletto ruspante con papaccelle e mandorle tostate – Rosso di Torgiano Cantine Lungarotti 2011
Il piatto parla da se…la carne, sfumata in Birra Umbra viene cotta lentamente, la papacella napoletana da quel sapore inconfondibile, dolce e deciso ed infine le mandorle danno la croccantezza necessaria. Il Rosso di Torgiano da uve Sangiovese e Canaiolo ha un gusto altrettanto deciso, secco e profumato in cui cogliamo netti sentori di mandorla amara.  
Curiosità: Giorgio Lungarotti ha fatto storia nel vino italiano portando ad livelli altissimi il Sagrantino di Montefalco; Nel 1990 a Torgiano per sua mano nasce il polo museale sul Vino e sull’Olio.

L’ evento si terrà il 16 ottobre 2015 alle ore 20,00 in via Gabriele D’Annunzio, Ercolano (NA)