Coniglio e pisellini

Facebook
YouTube
Pinterest
Instagram

Coniglio in umido
su crema di pisellini e pancetta croccante

Anche l’occhio vuole la sua parte, no? Bene! Se eseguirete questo piatto alla lettera riuscirete a stupire gli ospiti con un secondo buonissimo, semplice e dal grande risultato cromatico. La ricetta in se per se è molto semplice, ma è necessario che gli ingredienti che andremo ad utilizzare siano di prima scelta. Il coniglio è l’ingrediente principale, se non è di qualità la ricetta non avrà paragone in termini di gusto; il collo e le zampe corte indicheranno il periodo migliore per il consumo (esemplari dai 3 mesi a 1 anno di vita), con carne rosa chiaro e grasso bianco. La carne di coniglio è tenera ed altamente digeribile, piena di vitamina B e povera di grassi: consigliatissima per i bambini. I piselli invece ora che siamo in primavera è facile trovarli freschi dal vostro contadino di fiducia, NO ai piselli congelati o peggio ancora in scatola! La pancetta meglio prenderla magra: quella coppata di solito ha molto meno grasso ed è molto più saporita; costerà un pochino in più ma ce ne vorrà minor quantità.

Ingredienti
Per la salsa
Pisellini freschi
Burro
Patata
Sale, Pepe
Per il coniglio
Cipolla
Piselli
Pancetta
Coniglio
Olio EVO
Erbe aromatiche

Procedimento
Per la salsa
In una pentola capiente far bollire i pisellini ed una patata tagliata a tocchetti per 1-2 minuti, scolarli e frullarli con burro a pezzetti, un pizzico di sale e una macinata di pepe. Tenere da parte.

Per il coniglio
In una casseruola far rosolare in un grasso i pezzetti di coniglio da tutti i lati; tenere da parte e deglassare il fondo. Aggiungere la pancetta, erbe aromatiche  a piacere e la cipolla tagliata sottilissima fino a farla appassire, aggiungere nuovamente il coniglio ed un bicchiere di vino bianco; sfumare. Aggiungere i piselli e portare a cottura con coperchio girando la carne di tanto in tanto. Far riposare coperto per qualche minuto. Servire con la salsa sul fondo, il coniglio al centro, pisellini e qualche pezzetto di pancetta per guarnire.

Abbinamento:
L’abbinamento per eccellenza (sia territoriale che organolettico) è il nostrano Biancolella, da uve omonime che trova come terra d’elezione l’isola di Ischia. Lì la viticoltura è eroica, fatta ancora a mano e con l’aiuto di asini per il trasporto delle uve: alcuni dicono siano le vigne più belle del mondo! Il vino pur non raggiungendo grandi gradazioni alcoliche è particolarmente vocato per l’evoluzione. Intenso nei profumi di frutta esotica ed erbe aromatiche, mostra un grande equilibrio tra durezze e morbidezze. Prosit!

Facebook
YouTube
Pinterest
Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *